CODICE CORSO: I-WS11 LINGUA:

Analisi dei Rischi Competitivi in Stata

Il dato di sopravvivenza in campo biostatistico ed epidemiologico richiede sempre piu’ frequentemente approcci all’analisi che da end-point compositi permettano di evidenziare il ruolo di singoli segnali di fallimento della strategia terapeutica o di evoluzione della patologia. La tipiche domande che un revisore scientifico pone nella letteratura clinica sono: “E’ possibile utilizzare un approccio di analisi che separi l’abilita’ che la strategia terapeutica ha nel contrastare l’evolversi della patologia, dal porre il paziente a rischio subire l’effetto della tossicità?” “Quale sarebbe l’abilita’ della strategia terapeutica nel contrastare l’evolversi della patologia se si potessero ridurre gli effetti della tossicità?” A questa domanda risponde la metodologia dell’analisi dei rischi competitivi, con due approcci di analisi distinti a seconda che tale domanda venga richiesta in termini di probabilita’ assolute di osservare nel tempo il singolo rischio competitivo o in termini di probabilita’ controfattuali di sopravvivere liberi dal singolo rischio competitivo. Il chiarimento di questo aspetto ha delle implicazioni fondamentali a livello di strumenti metodologici necessari all’analisi nonché di interpretazione clinico/epidemiologica dei risultati e puo’ condurre ad errori di valutazione se non viene compreso.

 

L’analisi dei rischi competitivi prevede sia l’utilizzo di metodiche di analisi tradizionali che di metodiche propriamente sviluppate per tenere conto delle peculiarità del dato. Gli approcci possono essere condotti con metodiche di analisi che si basano sia sulla valutazione dell’outcome mediante la classica funzione azzardo (e subdistribution hazard) sia mediante valutazioni innovative con il concetto di restrected mean life time ed il calcolo degli pseudo valori.

 

In linea con la nostra filosofia di formazione, le sessioni teoriche sono affiancate da illustrazioni pratiche ed esempi provenienti da diverse discipline sia sociali che biomediche, in cui il docente chiarisce le limitazioni e i punti di forza di ogni metodologia, nonchè i criteri per la scelta e l’implementazione dello strumento di analisi statistica più appropriato per il problema oggetto di studio. Alla fine del programma, i partecipanti beneficiando sia delle riflessioni metodologiche effettuate nelle applicazioni che dell’implementazione pratica con il software, saranno in grado di scegliere la tipologia di analisi da applicare nel proprio contesto coerentemente con la domanda clinico/epidemiologica.

Il workshop è rivolto a ricercatori clinico-epidemiologici interessati ai principi di analisi e all’applicazione della metodologia per lo studio dei rischi competitivi comprendendo anche gli errori comunemente presenti in letteratura, utilizzando il software Stata. E’ disegnato per medici ed operatori in sanità pubblica provenienti da istituzioni pubbliche e private ma è anche indicato per Studenti, Dottorandi, Specializzandi e Assegnisti di Ricerca.

Conoscenza adeguata dei principi di base della biostatistica, della statistica e degli strumenti di base dell’analisi della sopravvivenza, nonché una conoscenza base del Software Stata.

SESSIONE I

Funzioni di sopravvivenza, incidenza cumulativa, azzardo, restricted mean time
Strumenti non-parametrici e modelli di regressione semi-parametrica
Esempi di applicazione in presenza di rischi competitivi (ambito oncologico e cardiovascolare)
Domande cliniche e quantita’ teoriche
Rischio competitivo come causa di censoring

 

SESSIONE II

Rischio competitivo come causa di censoring
Funzioni di sopravvivenza, incidenza e azzardo counterfactual
Assunti ed errori comuni
Rischio competitivo con causa di fallimento
Funzioni di sopravvivenza, incidenza, incidenza assoluta, azzardo causa specifica
Strumenti non-parametrici

 

SESSIONE III

Azzardo sub-distribution
Test per il confronto di incidenze grezze
Modelli di regressione semi-parametrica (modello di Fine e Gray)
Assunti ed errori comuni
Restricted Mean Models

Il workshop è previsto a Milano nei giorni 12-14 Dicembre 2018.

 

SEDE DI SVOLGIMENTO: Hotel NH Machiavelli ♦ Via del Lazzaretto ♦ 20124 Milano

 

 

 

 

La partecipazione al workshop è soggetta al pagamento della seguente quota di iscrizione:

 

Studenti*: € 790,00
Specializzandi / Assegnisti di Ricerca: € 1050,00
Università: € 1310,00
Commerciale: € 1645,00

 

*Per usufruire dello status “studente” è necessario presentare copia del libretto universitario o un certificato di iscrizione (in carta semplice) all’Università ed essere studenti a tempo pieno. Studenti lavoratori dovranno considerare la tariffa Assegnisti / Specializzandi.

 

I prezzi si intendono IVA 22% esclusa. L’aliquota IVA non sarà applicata per Enti Pubblici soggetti ad esenzione a norma dell’art. 14 c. 10 della L. 537/93 per la partecipazione a corsi di formazione dei propri dipendenti.

 

La quota di iscrizione include il pranzo, il materiale didattico e una licenza temporanea del software Stata (si consiglia di venire muniti del proprio computer o di chiedere informazioni alla segreteria per l’eventuale noleggio, al momento dell’iscrizione). Dà inoltre diritto ad uno sconto sull’acquisto di una nuova licenza per singolo utente del Software Stata (ad esclusione della versione per Studenti) e sull’acquisto di testi in catalogo Stata Press.

 

L’iscrizione al corso dovrà avvenire tramite lo specifico modulo di registrazione e pervenire a TStat S.r.l. entro il 22 Novembre 2018. Lo svolgimento è condizionato dal raggiungimento di un numero minimo di 8 partecipanti ed un numero massimo di 15.
.

 


L’iscrizione al corso dovrà avvenire tramite lo specifico modulo di registrazione e pervenire a TStat S.r.l. almeno 15 giorni prima dell’inizio del corso stesso. E’ possibile richiedere il modulo di registrazione compilando il seguente form oppure inviando una mail a formazione@tstat.it


NOME*


EMAIL*


OGGETTO


IL TUO MESSAGGIO


Termini e condizioni*
Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 - Testo completo



L’analisi dei rischi competitivi prevede sia l’utilizzo di metodiche di analisi tradizionali sia metodiche propriamente sviluppate per tenere conto delle peculiarità del dato. Gli approcci possono essere condotti con metodiche di analisi che si basano sia sulla valutazione dell’outcome mediante la classica funzione azzardo (e subdistribution hazard) sia mediante valutazioni innovative con il concetto di restrected mean life time ed il calcolo degli pseudo valori.